Opinioni
Test (non usare)
15 Marzo 2021
12:38

Antonio Monda e il grande romanzo su New York: “Il principe del mondo è un diavolo geniale”

Intervista di Antonio Monda, direttore della Festa del Cinema di Roma, a Fanpage.it. Il suo romanzo ‘Il principe del mondo’ (Mondadori) è l’ottavo del ciclo dedicato alla Grande Mela, su cui dice: “I cinema riaprono, i teatri tra poco, c’è molta euforia a New York in questo momento”. E su Biden: “Ha dato un grande impulso alla campagna vaccinale”.
A cura di Fanpage Admin
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Test (non usare)

"Se supererà la prova della pandemia, tornerà ad essere il luogo più amato". Per Antonio Monda, New York non è solo casa, ma è anche il luogo "più elettrizzante al mondo", dove succedono cose "straordinarie". Non solo per lui, naturalmente. Nel suo caso, però, il legame che unisce il direttore della Festa del Cinema di Roma e scrittore, alla Grande Mela, supera la dimensione puramente biografica. Da molti anni, infatti, a New York Monda sta dedicando un ciclo di romanzi, che alla fine sarà composto da dieci titoli. Da poco con Mondadori ha pubblicato l'ottavo atto della saga, ambientato negli anni della Grande Depressione dal 1927 e 1930, dal titolo ‘Il principe del mondo‘.

"Il principe del mondo è la definizione che Gesù dà del diavolo, che nel romanzo si incarna nella figura di Joseph Kennedy negli anni della Grande Depressione. Un uomo omofobo, antisemita, razzista, che aveva legami con mafiosi e criminali, e tuttavia come il diavolo era un essere umano geniale…". E proprio su New York, dove presto tornerà per la seconda dose di vaccino, dice: "Nel giro due, tre anni tornerà a essere una delle capitali del mondo. Ha superato prove durissime in questo secolo, la Grande Depressione, l'11 settembre e supererà anche la pandemia…" riflette Monda.

E Joe Biden? Come ha iniziato il suo corso? "Molto bene – dice lo scrittore cresciuto a Cisterna di Latina, romano d'adozione, trasferitosi nella Grande Mela negli anni Novanta e che il New York Times ha definito ‘un istituto di cultura riunito in una sola persona': Innanzitutto, perché ha messo a punto un governo eccellente, poi perché ha dato un grande impulso alla campagna vaccinale. In questo momento, a New York c'è grande euforia. I cinema hanno riaperto, i teatri lo faranno a breve, c'è un clima di ripartenza…"

1 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni